<< Torna a Catalogo Opere

TRITTICO
tre brevi melologhi su testi di
Silvia Cecchi e Gianluca Mancini
Notturno per voce rec., flauto in sol e arpa (6'ca)
Fuocoper voce rec., ottavino e arpa (2'ca)
Sera per voce rec., flauto, arpa, violino e violoncello(3'ca)
grado di difficoltà : medio
anno di composizione: 2014
I esec.: Teatro Comunale di Cagli
28 giugno 2014
opera di proprietà dell'autore
OPERA DEPOSITATA ALLA SIAE

 

La composizione del Trittico di melologhi fluì spontanea grazie anche al fascino dei versi di Silvia Cecchi e Gianluca Mancini. Versi nei quali parole semplici evocano
incantesimi molteplici che confluiscono in un magico labirinto. La musica ne coglie i reconditi rimandi talora sussurrando notturni suoni talaltra guizzando come infestante fuoco. Nel terzo melologo Sera si avvertono sonorità meste quali si addicono al declinare del giorno. All'arpa e ai flauti sono riservati ruoli privilegiati che permangono nei tre melologhi. L'arpista Paola Perrucci fu aurea Musa.