<< Torna a Catalogo Opere

ECCO MORMORAR L'ONDE
per clarinetto  basso in sib e pianoforte.
grado di difficoltà: medio-alto
durata: 5’ ca.
anno di composizione: 2010
I esecuz.: 17.09.2010: Biennale di Musica Contemporanea (AL)
 R. Parisi (Cl. B.) e R. Beltrami (Pf.)
proprietà dell’autore
esiste la registrazione live
OPERA DEPOSITATA ALLA SIAE


Ecco mormorar l’onde rielabora un brano precedente (Clartronic) che rimase ineseguito in conseguenza delle insondabili trame del Caso. Ecco mormorar l’onde è pertanto la rivisitazione trasformata per clarinetto basso in sib e pianoforte di Clartronicper cl. basso in sib e percussione (o tape). Clartronic fu scritto per Barcellona ma il dissolvimento del concerto previsto ne costrinse la latenza nell’hard disk del computer e per l’udito dell’autore suonò soltanto nella versione midi. Le affinità fra Clartronic  e Ecco mormorar l’onde, ancorché consistenti, non inficiano le differenze apprezzabili: di organico, di concomitante timbro e di scrittura compositiva.
L’equorea sonorità di Ecco mormorar l’onde giustificò il ricorso all’antico, mirifico e madrigalesco titolo che ben si addice al brano. Quest’ultimo rifiuta però suggestioni visive o naturalistiche: fuorvianti. Come tutta la musica non onomatopeica (compreso il Poema Sinfonico) vanta il privilegio di non esprimere che se stessa: privilegio che il brano non si sogna minimamente di negare. A sostegno della sua tesi l’autore propone di desumere l’opera di Nietzshe dal Così parlò Zarathustra di R. Strass e in assenza di qualsiasi conoscenza del titolo del predetto Poema Sinfonico. Soltanto nella Alpensinfonie e la presenza acustica dei campanacci (almglocken) potrebbe consentire un approssimativo descrizione del luogo di riferimento. Ma le mucche pascolano ovunque, oltre che sulle Alpi.